Bologna Ragazzi CrossMedia Award


Tra carta e digitale è la rubrica di Giulia Natale che esplora la biblioteca del futuro, tra storie fatte di carta e di pixel!

La Bologna Children's Book Fair – appuntamento internazionale e storico per il mondo dell'editoria dedicato a bambini e ragazzi – quest'anno si è svolta a giugno e, per il secondo anno consecutivo, ha offerto agli operatori del settore ma anche al grande pubblico, oltre alla consueta alta qualità delle conferenze anche incontri formativi fruibili on line.

L'aspetto nuovo che però ha determinato l'edizione del 2021, e che rappresenta per noi oggi motivo di interesse di indagine a fini didattici ed innovativi, è che il premio prima riservato esclusivamente alle App e ai contenuti digitali interattivi in senso stretto (cioè il Bologna Ragazzi Digital Award), dopo dieci anni ha cambiato nome, diventando intenzionalmente più inclusivo: il Bologna Ragazzi CrossMedia Award.

Alla base della riformulazione del premio non c'è solo un semplice cambio lessicale; le ragioni che ne hanno determinato la modifica sono infatti sostanziali e sono in correlazione con i contenuti che questo nuovo premio vuole portare all'attenzione del pubblico. L'intenzione dichiarata, e raggiunta, della Fiera è stata potenziare le corrispondenze fra i libri e gli altri possibili modi del narrare allo scopo di segnalare e promuovere le tante produzioni che vedono l'intersezione della carta con altri media

Condivido con voi una riflessione sulla sensazionalità di un tale segnale di apertura verso produzioni esistenti e già molto vivaci, indice di un premio estremamente attuale, pronto e attento alle trasformazioni delle forme narrative moderne per bambini e ragazzi.

Ora, addentrandoci nell'esame delle produzioni premiate; segnalo il super Vincitore e le due Menzioni Speciali, senza dimenticare, per i più curiosi e affamati di contenuti innovativi, la gustosa e preziosa short list.

La trasposizione cinematografica The Snail and the Whale, dal testo di Julia Donaldson illustrato da Axel Scheffler, vince il Gran Prize con una delicata storia di amicizia forgiata nelle acque; due amiche, la lumachina e la balena, desiderose di sfide e di avventura affrontano pericoli e insidie grazie al coraggio della più piccola e al passaggio della più grande. Un'avventura che rinforza il loro rapporto. La riuscita conversione in cortometraggio offre grandi scenari, musica e immediata empatia con le protagoniste dando la possibilità di condividere con i bambini la lettura del libro illustrato e la visione del suo adattamento nell'arte cinematografica, secondo l'ordine di preferenza, per poi elaborare riflessioni sul tema secondo le competenze e le richieste dei più piccoli.

Una menzione Speciale è per l'adattamento in serie TV (disponibile su Netflix) di Hilda di Luke Pearson, un'altra storia che siamo stati abituati a scoprire sulla carta, qui meravigliosamente resa e adattata con gentilezza nel passaggio dal graphic novel allo schermo.
Non si avverte mai la sensazione di una forzatura, si gioisce dello spirito intraprendente della buffa e ironica Hilda con i suoi grandi occhi sgranati sul mondo naturale e sulla vita, tanto sulla carta quanto nella suggestione dei dialoghi e delle scene animate. 

Altra Menzione Speciale è stata assegnata all'App Tutto il contrario, trasposizione digitale interattiva dell'omonimo albo dell'editore Minibombo, che con capacità intramontabile è riuscito a riversare i 24 animali del libro illustrato in un gioco narrativo-didattico divertente e sugli aggettivi opposti. I bizzarri animali si animano e si trasformano in combinazioni imprevedibili e strampalate sostenendo l'apprendimento in modo esilarante.

In conclusione, per questa prima edizione del Bologna Ragazzi CrossMedia Award sono state candidate 50 produzioni fra film, serie tv, app (mobile, AR, VR…), videogioco (mobile, console, pc,browser), piattaforme web, podcast, contenuti audio (voice app) che hanno la loro originaria pubblicazione in una produzione cartacea

I linguaggi del raccontare transitano, cambiano e si spostano su supporti diversi e, nell'adattarsi a supporti diversi, trovano in questo cambio di passo tecnologico un adeguamento di registri narrativi, grammatica espressiva e originalità creativa. 

L'invito è di leggerli, guardarli, ascoltarli, cantarli o intervenire interattivamente con la consapevolezza che ci spostiamo fra produzioni di qualità e con l'accortezza di segnalare ai bambini le metamorfosi nello stile e i diversi alfabeti narrativi, ugualmente ricchi e avvolgenti.

Altre notizie correlate

CinemAmbiente Junior
20/03/2023
Concorso CinemAmbiente Junior
Aperte le iscrizioni di CinemAmbiente Junior, il concorso di cortometraggi a tema ambientale.
Vai alla notizia
Crossmedia Award | Notizia Riconnessioni
06/03/2023
Che cos’è la BolognaRagazzi Crossmedia Award
I migliori progetti editoriali che espandono l'universo narrativo verso altri media e, viceversa, le narrazioni nate altrove che approdano su carta
Vai alla notizia
Open call per insegnanti | Notizia Riconnessioni
17/02/2023
Fondazione Merz: open call per insegnanti
Un’attività di formazione per approfondire gli aspetti del linguaggio verbale e visivo che concorrono alla costruzione di uno slogan
Vai alla notizia
Laboratorio PC & AC | Laboratori Riconnessioni
17/01/2023
Iscriviti al laboratorio Pensiero Computazionale e Apprendimento Creativo
La nuova edizione in partenza il 14 febbraio 2023
Vai alla notizia

Iscriviti alla Newsletter

Aggiornati sul mondo di Riconnessioni

Iscriviti